×

Il Modello Organizzativo, di Gestione e Controllo ex. D. Lgs. 231/2001 di BORRI S.p.A.

Nel rispetto del Decreto Legislativo del 8 giugno 2001, n. 231, Borri S.p.A. ha adottato il proprio Modello Organizzativo, di Gestione e Controllo.

Tale documento descrive le condotte che i dipendenti della Società e tutti i soggetti terzi che entrino in contatto con essa sono chiamati a tenere, al fine di prevenire il rischio di commissione dei reati disciplinati nel D.Lgs. n. 231/2001 stesso. Qualora posti in essere nell’interesse o a vantaggio della Società, infatti, tali reati possono determinare in capo a quest’ultima una responsabilità amministrativa in violazione del D.Lgs. n. 231/2001, con conseguente esposizione della Società a un rischio sanzionatorio di natura rilevante.

Ogni eventuale segnalazione, avente ad oggetto condotte illecite rilevanti ai sensi del D.Lgs. 231/2001 o a violazioni del Modello di cui sopra, dovrà essere trasmessa all’Organismo di Vigilanza di Borri S.p.A., nel rispetto delle modalità descritte nel Modello Organizzativo - Parte Generale, Capitolo 6, Paragrafo a7), a mezzo email a odv@borri.it

Linea Etica: un sistema specifico.

Il Sistema per la gestione delle segnalazioni etiche è a disposizione di tutti i Collaboratori di Borri S.p.A. sulla piattaforma https://legrand.signalement.net/ ed è utilizzabile nel caso di problemi di natura finanziaria o contabile, corruzione, normative in materia di concorrenza, grave danno all’ambiente o alla sicurezza delle persone, comportamenti non etici (discriminazione e vessazione), protezione dei dati o conflitto di interessi. Le segnalazioni possono essere trasmesse al Responsabile Compliance del Gruppo Legrand, Società Madre di Borri S.p.A.

Legrand garantisce la protezione del segnalatore da ogni forma di ritorsione. Ciò significa che in nessun caso egli sarà oggetto di ritorsioni, o minacce di ritorsione, per aver riportato in buona fede un problema etico o una frode.

Le informazioni raccolte rimarranno strettamente confidenziali. Chiunque sia coinvolto nel contesto di una segnalazione ha il diritto di accesso per la correzione dei dati che lo riguardino. I soggetti coinvolti (colui che effettua la segnalazione, le persone coinvolte nell’ambito del ricevimento e della gestione della segnalazione, la persona interessata dalla segnalazione in quanto vittima o presunta testimone dei fatti) potrà esercitare il diritto di accesso attraverso il Sistema di segnalazione o per posta all’indirizzo del Responsabile Compliance del Gruppo. Attraverso l’esercizio di tale diritto, i soggetti indicati non verranno a conoscenza di alcun dato riguardante le terze parti.

Maggiori informazioni sul programma etico di Legrand sono disponibili su legrandgroup.com.

TORNA SU });